RSS

INCONTRO

Inchiostronerodenso

Lo sguardo fu una lamina di fuoco. Accadde.

Nella piazzetta dei balconi fioriti, dalle pareti affrescate con le vergini, tra il passaggio di incuranti e lente ombre.

Si videro e si riconobbero. Dalla chioma leonina, la faccia tersa e gli occhi verdi. Dall’andatura gitana, sciarpa serica e pantaloni alla cavallerizza. Diversi tra eguali.

Si sfiorarono, si guardarono. Una frazione d’attimo. Il tempo minimo necessario alla muta intesa: perché ciascuno s’inchinasse all’altro.

Poi, sbalzati d’improvviso lontano sulla giostra del tempo e altrove. Dove il ruolo imponeva il come. Sudore freddo. Sbandamento e vertigine.

Così si riconobbero e si videro.

S’inchinarono muti al trasalimento.

Poi, ciascuno proseguì il suo cammino senza voltarsi.

View original post

Advertisements
 
Leave a comment

Posted by on April 17, 2017 in Uncategorized

 

TUTTO O NIENTE

vi VVVVVVVVVVV

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

View original post

 
Leave a comment

Posted by on January 26, 2017 in Uncategorized

 

LETTERA APERTA

vi VVVVVVVVVVV

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

View original post

 
Leave a comment

Posted by on January 26, 2017 in Uncategorized

 

Frammenti d’esilio, 4

la solitudine e lo scrivere come autogratificazione

La dimora del tempo sospeso

La mancanza

Gianmarco Pinciroli

Wie lange war kein Herz
zu meinem mild…
Else Lasker-Schüler

frammento 4

94. Dice l’amico, con pochissima voce per non farsi sentire attorno da altri che non sia io: «Abolita la felicità. Anche la sua possibilità, anche il pensiero della felicità. Abolita la ricerca del suo “che cos’è?”. Abolite le persone che occasionalmente me ne hanno procurata, che potrebbero ancora procurarmene. Abolite le persone in generale, visto che la buona volontà di chiunque può fare piccoli miracoli quotidiani. Abolita la speranza che, insieme alla parola amore, è stata fonte di così tanto dolore.

View original post 1,714 more words

 
Leave a comment

Posted by on September 27, 2015 in Uncategorized

 

La più importante rivoluzione italiana

Immaginimmaginario.

Il 13 maggio non si è stabilito per legge che il disagio psichico non esiste più in Italia, ma si è stabilito che in Italia non si dovrà rispondere mai più al disagio psichico con l’internamento e con la segregazione. Il che non significa che basterà rispedire a casa le persone con la loro angoscia e la loro sofferenza. Franca Ongaro Basaglia, 19 settembre 1978

Con questa citazione John Foot apre l’ultimo capitolo del suo importante lavoro di ricerca La “Repubblica dei matti”. Franco Basaglia e la psichiatria radicale in Italia. 1961-1978 (Feltrinelli 2014), capitolo dedicato alla legge 180, alla sua approvazione e alla successiva costruzione della sua memoria pubblica.

Una citazione che racchiude in sé quanto di problematico ma anche di immensamente rivoluzionario ha potuto lasciare l’esperienza di un uomo nella storia nella società italiana senza dimenticare tuttavia le critiche, le domande, le questioni ancora oggi in sospeso, a…

View original post 3,499 more words

 
Leave a comment

Posted by on August 23, 2015 in Uncategorized

 

Memorie di Alessandria

Incontri con parole e immagini. Editoria

sidi2Memorie di Alessandri a   GIULIA

Ho vissuto per due anni ad Alessandria  con Meshed, i miei figli. Siamo stati felici in quella città che faceva parte del mio immaginario, che quasi conoscevo dalòla lettura di durrell di Kavafis, dalla storia.       è’ UNA CITTA’ CHE AFFASCINA , IL SUO PASSATO TRASUDA dalle rovine e dai luoghi, LE MOSCHEE E LE CHIESE UNA ACCANTO ALL’ALTRA, I QUARTIERI UN TEMPO ABITATI DA GRECI E ITALIANI E MALTESI. LA SINAGAOGA DI RUE NEBI DANIEL, IL MUSEO KAVAFIS, LIBRI, LIBRI.. IL QUARTETTO DI ALESSANDRIA. PER CHI CONOSCE UN POCO DI LETTERATURA ANCHE ITALIANA O INGLESE, LA CITTà HA UN FORTE RICHIAMO. UNGARETTI, LE SUE POESIE, LA VITA DEGLI ITALIANI A MEX, NELLA BIBLIOTECA SI TROVA UNA MOSTRA SUL PASSATO LETTERARIO DEGLI ITALIANI – DELLA CASA ROSSA – A MEX, IL POETA KAVAFIS, LEGGERE LE SUE POESIE PRIMA DI PARTIRE PER ALESSANDRIA E’ GUASI DOVEROSO.
I…

View original post 2,088 more words

 
Leave a comment

Posted by on July 19, 2015 in Uncategorized

 

Incontro sul Bosforo

Incontri con parole e immagini. Editoria

l Corno d’Oro.
Sulle acque del Corno d’Oro, che divide la città in due, Istanbul, l’antica Bisanzio – Costantinopoli  a sud, e Pera – Galata, a nord, la luce accecante di un primo pomeriggio di maggio si rifletteva, infastidendo gli occhi di Sara, che sorseggiava un caffè turco scuro e aromatico, mentre, chiusa nei suoi pensieri un po’ malinconici, sfogliava pigramente una pubblicazione d’arte bizantina.
La leggenda degli oggetti preziosi gettati dai bizantini durante la conquista ottomana del 1453, che rendevano le acque così insopportabilmente luccicanti, in altri tempi l’avrebbe affascinata, mentre ora la lasciava indifferente.
Le navi, i pescherecci, i battelli-bus scivolavano sull’acqua, mentre da lontano si intravedevano le torri dei minareti e le cupole delle moschee e delle basiliche che rendevano lo spettacolo dell’antica città suggestivo e complesso.
Si era seduta al caffè “Pierre Loti” per fare un piano di visite ai luoghi che la interessavano per la…

View original post 2,179 more words

 
Leave a comment

Posted by on July 19, 2015 in Uncategorized